Lace

Installazione multicomponibile – misure variabili

Olio/inserti di pizzo nero
su
Tela/tavola/materiale vario

In continua crescita e trasformazione, Lace si presenta come una serie di visioni, pittoriche e non, che emergono da una dimensione istintiva e caotica che ci resta, comunque vada, oscura. Se da una parte l’opera tenta di apparire e impossessarsi del mondo del visibile, dall’altra si struttura come una serie di grovigli di un altro luogo sul quale l’osservatore può soltanto lanciare uno sguardo. La serie di lavori che si articolano attraverso supporti eterogenei vuole affrontare, tramite il soggetto del pizzo sintetizzato e concentrato in una gestualità modulare, che si ripete e si dilata, l’eterna dialettica che si innesca in noi tra l’essere e l’apparire. A volte il pizzo dipinto, rappresentato, entra in rapporto e quasi si dissimula con quello vero, steso, innestato e inserito sulle superfici e non solo. Questo elemento, sinuoso e volutamente decorativo, vuole essere uno strumento per generare un momento di stallo, una riflessione sulle immagini superficiali, costruite e decisamente troppo articolate che diamo di noi al mondo, come ci rappresentiamo. Lace si codifica come un “glamour”, una ricerca morbosa di un dettaglio, un costrutto in continua espansione, come una macchia, un “virus”, cerca e pian piano occupa tutto lo spazio, annullando l’inizio e la fine rimane soltanto l’incessante ripetersi.

IMG_4273

IMG_4235

IMG_4283

drgdg

9

nfhf

14.JPG

17

xcvddg.jpg

IMG_4386

IMG_4387

IMG_4388

IMG_4390.JPG

IMG_4394.JPG

IMG_4353

IMG_4349

IMG_4360

IMG_4361

IMG_4345.1

Senza titolo-1

1.JPG

IMG_4371.JPG

Senza titolo-2

IMG_4373.JPG