Parallassi

Installazione (20 pezzi – 30 x 30 cm cad.) – misure variabili

Monotipie a punta secca/stampa digitale/penna/pantone/matita/cucitura con filo a macchina
su
Carta

Il concetto stesso di impronta, determinando la presenza di qualcosa che non c’è, appare di per se stesso contradditorio. La dicotomia che si genera tra costruzione e rappresentazione costituisce la premessa irrinunciabile su cui si fonda questo recente lavoro, con lo scopo, deducibile dal titolo, di portare ad una congruenza immaginativa due linguaggi grafici apparentemente distanti: quello figurativo e quello astratto, approdando verso similitudini inattese.
Orme di un processo in atto, tracce residue di realtà, segni indistinti di qualcosa che è stato, campionature estrapolate dal flusso, mettono in comunicazione due poli contrapposti e, allo stesso tempo, dischiudono nuove possibilità espressive.
I monotipi selezionati alludono ai sofisticati procedimenti tipici della stampa calcografica, qui rivisitata attraverso originali sperimentazioni, dagli esiti intenzionalmente aperti, indistinti e indefinibili.
Il ciclo proposto accosta immagini floreali classicheggianti a forme stilizzate ottenute per incisione. Le stampe alludono alle costruzioni geometriche sulle quali sono basati i dipinti, suggerendo così inedite possibilità di dialogo e istituendo un cortocircuito tra reale e fittizio.

Testo a cura di Mattia Lapperier

paralassi.jpg