Trame Plastice – Oltre la superficie

Installazione – misure variabili

Olio su pannelli alveolari/cassette in PVC

In collaborazione con l’artista Victoria DeBlassie

Ormai da decenni, si ha estrema familiarità con il concetto di consumo di massa. Se benessere e prosperità paiono le conseguenze più immediate di tale fenomeno, è sufficiente grattare appena la superficie per accorgerci di come l’utilizzo spregiudicato di beni e servizi conduca a una sorta di feticismo dell’oggetto o, più drammaticamente, consolidi l’esistenza di una mera estetica dell’usa e getta. Lungi dal riguardare esclusivamente una pratica economica, essa riverbera inevitabilmente anche sul modo di coltivare le relazioni interpersonali.
L’installazione concepita a quattro mani da Victoria DeBlassie e Leonardo Moretti si misura proprio su quell’apologia del superfluo in cui pare invischiata la società contemporanea. In questo senso, i frammenti plastici dell’una e il pizzo dipinto dall’altro offrono due approcci differenti e complementari alla questione. Victoria DeBlassie, elevando strutture dall’aspetto ora virale ora totemico, sfrutta le potenzialità intrinseche al materiale per esprimere profonda insofferenza nei confronti di un’imminente plastificazione globale; Leonardo Moretti invece rappresenta l’effimero per eccellenza, l’orpello, l’accessorio, per suggerire provocatoriamente un invito ad andare oltre la superficie visibile, al di là dell’apparenza. I due artisti, in aperto e costante dialogo tra loro, lasciano intravedere, tra le fitte trame che compongono i loro lavori, la seppur minima possibilità di un significato altro, più profondo, che si configura come una montaliana ricerca della “maglia rotta nella rete”, qui intesa come rara possibilità di salvezza da un mondo appiattito, banalizzato, di plastica appunto. Gli intrecci in PVC di Victoria DeBlassie, ora accostati, ora congiunti, infine sovrapposti a quelli pittorici di Leonardo Moretti non solo mettono in scena l’irriducibile dicotomia tra presentazione e rappresentazione del dato sensibile ma, soprattutto, celebrano parodisticamente il consumismo, quasi si trattasse di una distopica entità in progressiva espansione, da cui difendersi con ogni mezzo.

Testo a cura di Mattia Lapperier

IMG_5169

IMG_5204

IMG_5195

IMG_5211

IMG_5199

IMG_5170

IMG_5185

IMG_5172

IMG_5196

IMG_5212

IMG_5171

2

IMG_5184

IMG_5209

3

4

1